Indice del forum
FAQ  Pannello Utente  Messaggi Privati  Gruppi utenti  Lista degli utenti  Cerca  Registrati  Login
Portale    Blog   Album    Guestbook    FlashChat    Statistiche    Links    Calendario
Downloads    Commenti karma    TopList    Topics recenti    Vota Forum


Home
                                                                                                                                                                                                                              
Pane con zucca(Gabriele Bongi)
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> I maestri del pane e dei panini Giuseppe Zen - Christian Milone - Gabriele Bonci - Vito Vivanti - Marco Merola - Gino Sorbillo - Antonio Sorrentino
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
tery

Moschettiere
Moschettiere




Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 29/04/07 09:17
Messaggi: 37059
tery is offline 

Località: Elmas (Cagliari)





NULL
MessaggioInviato: Dom Nov 14, 2010 6:02 pm    Oggetto:  Pane con zucca(Gabriele Bongi)
Descrizione:
Rispondi citando

Pane con zucca,castagne e semi di girasole

Categoria:I maestri panetieri Gabriele Bongi
[puntata del 11.11.2010]

Ingredienti

1 kg di farina integrale,
200 g di lievito naturale,
100 g di farina di castagna,
500 ml di acqua,
12 g di sale,
200 g di zucca(Marina di Chioggia).

Procedimento

In una boulle grande,mettere la farina integrale e e il lievito naturale,l'acqua incominciare ad amalgamare con un cucchiaio,poi aggiungere la farina di castagne continuando a mescolare,
il sale e la zucca arrostita al forno,finire di impastare,mettere dell'olio su una boulle
metterci anche l'impasto e in frigo a riposo per almeno 8 ore.
Dopo il tempo necessario rovesciare l'impasto sul piano
di lavoror,dividere l'impasto in pezzi da 500 g,prendere le estremità della pasta e girarli
all'interno dell'impasto stesso fino a formare una pagnotta,metterla in un cestino o in una boulle di vetro infarinata farla riposare di nuovo deve raddoppiare il volume.Il cestino deve rimanere scoperto,l'impasto deve formare una buccia.Dopo rovesciare la pagnotta su una teglia da forno
e mettere dei semi di girasole ammollati nell'acqua nella parte superiore della pagnotta.
In forno a 250°C nella parte bassa del forno,abbassare a 170°C e portare a cottura.





_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Dom Nov 14, 2010 6:02 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
tery

Moschettiere
Moschettiere




Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 29/04/07 09:17
Messaggi: 37059
tery is offline 

Località: Elmas (Cagliari)





NULL
MessaggioInviato: Mar Nov 16, 2010 7:58 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

San Martino: oca e pane di castagne

Categoria:I maestri panetieri Gabriele Bongi
[puntata del 11.11.2010*

“FARE SAN MARTINO” è un modo di dire molto usato in alcune zone della pianura
padana: significa traslocare o trasferirsi, e in senso più ampio, cambiare luogo di
lavoro. L’origine di questa frase risale ad alcuni secoli or sono ed ha avuto un
riscontro sino a qualche decennio fa, quando una grossa parte della popolazione
attiva della pianura padana era occupata nel settore agricolo. L’anno lavorativo
dei contadini infatti terminava agli inizi del mese di novembre e laddove il
proprietario dei campi e padrone della cascina, non avesse rinnovato il contratto
con il bracciante per un altro anno, egli era costretto a trovarsi un nuovo impiego
altrove, presso un’altra cascina. In questo caso il contadino, con famiglia al
seguito, era costretto a lasciare libera la casa e trasferirsi altrove. La data scelta
per il trasloco coincideva quasi sempre con l’11 novembre, giorno in cui per
ragioni climatiche si godeva di un tempo spesso stabile e soleggiato (la
famosa “Estate di San Martino”). Piatto tipico di questa festa e di questo periodo
nell’Oltrepò Pavese (da cui proviene Eugenio) è L’oca nell'olla. Perché l’oca?
Perché l’oca era un animale “da pascolo” e al momento di “fare San Martino” c’era
il problema di cosa fare di queste bestie. Venivano quindi macellate, tagliate in
quarti e messe sotto sale per 24 ore. Poi bollite per 20 minuti e adagiate, due
quarti per strato, nelle olle di terracotta con uno strutto misto di maiale e oca fuso
e foglie di alloro per aromatizzare. In questo modo il problema della
conservazione della carne era risolto e soprattutto, così preparata, l’oca era un
piatto praticamente già pronto, in un certo modo già precotto. Bastava, nei giorni
del trasloco, avere una padella, scaldarla e mangiarla. Oggi la coppia Bongi -
Barbieri ci porta nelle campagne dell’Oltrepo pavese per far rivivere una antica
tradizione contadina: oca nell’olla con pane di farina di castagne.

_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Spostato: Dom Apr 17, 2011 9:57 pm da tery
da Prova del cuoco...le ricette presentate in tv a I maestri del pane e dei panini Giuseppe Zen - Christian Milone - Gabriele Bonci - Vito Vivanti - Marco Merola - Gino Sorbillo - Antonio Sorrentino
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> I maestri del pane e dei panini Giuseppe Zen - Christian Milone - Gabriele Bonci - Vito Vivanti - Marco Merola - Gino Sorbillo - Antonio Sorrentino Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





I Quattro Moschettieri topic RSS feed 


Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Theme Diddle v1.03 par HEDONISM

Pagerank.Scambiositi.com

Tutti i diritti di proprietà ed i Copyrights ,anche se non espressamente specificati,vengono riconosciuti ai legittimi proprietari.

  I 4 Moschettieri Forum non vanta alcun diritto su di essi.