Indice del forum
FAQ  Pannello Utente  Messaggi Privati  Gruppi utenti  Lista degli utenti  Cerca  Registrati  Login
Portale    Blog   Album    Guestbook    FlashChat    Statistiche    Links    Calendario
Downloads    Commenti karma    TopList    Topics recenti    Vota Forum


Home
                                                                                                                                                                                                                              
Rassegna stampa 2
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, ... 116, 117, 118  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Alessio Boni
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Marina

Grande amico del forum
Grande amico del forum


Moderatori

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 03/05/07 16:23
Messaggi: 5612
Marina is offline 







NULL
MessaggioInviato: Gio Mar 05, 2009 8:15 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

TEATRO: ALESSIO BONI E SILVIO ORLANDO AL SALIERI DI LEGNAGO
IL tredicesimo appuntamento della Stagione di prosa 2008-09 del Teatro Salieri di Legnago è con Il dio della carneficina di Yasmina Reza, una fra le maggiori commediografe e scrittrici francesi.
La commedia è andata in scena nel 2008 a Parigi con Isabelle Huppert, e a Londra con Ralph Fiennes, mentre le recite in Germania e Austria le hanno valso l'importante Nestroy Theaterpreis per il miglior spettacolo dell’anno. La commedia è inoltre è una delle che potrebbero vincere il Laurence Olivier Award (l’Oscar del Teatro inglese) il prossimo 8 marzo mentre il 22 marzo debutterà a Broadway.
A dispetto del titolo, siamo di fronte ad una commedia ricca di humour. Véronique e Michel ricevono a casa Annette ed Alain, genitori di Ferdinand, che ha colpito al viso il loro figlio. Le due coppie intendono comporre con correttezza e “civilmente” quanto successo. All’inizio tutti sono benevoli e concilianti. Ma… “Io credo nel dio della carneficina. È l’unico dio che comanda dalla notte dei tempi, e senza riserve”, dice Alain.
Tra gli interpreti spiccano i nomi di Alessio Boni, reduce da successi televisivi del calibro di Caravaggio, Guerra e Pace e il più recente Puccini; Silvio Orlando che torna al Salieri dopo il successo con lo spettacolo di Eduardo De Filippo Eduardo al Kursaal nel 2002-03; Anna Bonaiuto, recentemente ne Il Divo, vincitore a Cannes, e nella Ragazza del lago (10 David di Donatello), oltre che nel Caimano; e Michela Cescon, Premio Ubu e Premio Flaiano, che ricordiamo in Primo amore e nell’Imbalsamatore, sempre di Garrone, in Cuore sacro di Ozpetek, e in Tutte le donne della mia vita con Zingaretti. Fra i successi teatrali di Reza ricordiamo Art (1994), vincitore del Premio Molière (l’Oscar francese del Teatro), dell’Olivier (Londra) e del Tony Award (Broadway), tradotto in più di 30 lingue, per anni in scena a Parigi e Londra e qui in Italia con Gianmarco Tognazzi e Giobbe Covatta, trasmesso dalla RAI.
Il Salieri è la prima città Veneta che ospita questo spettacolo, che è da poco stato al Teatro Argentina di Roma e al Franco Parenti di Milano.
Due gli spettacoli in programma, martedì 10 e mercoledì 11 marzo alle 21.00, che già hanno fatto registrare il tutto esaurito.

http://www.culturalnews.it/dettaglio.asp?id=12965

_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Gio Mar 05, 2009 8:15 am    Oggetto: Adv






Torna in cima
Marina

Grande amico del forum
Grande amico del forum


Moderatori

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 03/05/07 16:23
Messaggi: 5612
Marina is offline 







NULL
MessaggioInviato: Gio Mar 05, 2009 8:27 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

E' quello che penso anch'io Patrizia,infatti l'ho già scritto in un'altro post.
Oltre ai critici e i melomani la cosa che mi fa arrabbiare è il regista Benvenuti che il suo Puccini presentato al festival di Venezia è stato criticato proprio dalla nipote di Puccini, Simonetta Puccini ritenendolo un 'offesa.Mentre in un'intervista che ho appena letto su "Il Giornale" che adesso invierò a Caty e magari potrete leggere tutti,la stessa nipote ha detto che gli sceneggiatori e il regista Capitani sono stati corretti e lei ha anche dato l'ok sul copione dicendo solo che ci sono piccoli errori e che il protagonista non somiglia allo zio ma non ha molta importanza.
Vedremo cosa dirà la critica,i melomani e il pubblico quando uscirà il film nelle sale del regista Benvenuti....sono molto curiosa!

Ciao,un abbraccio
Marina


Patrizia63 ha scritto:
ciao a tutte. chissà perchè la critica italiana deve essere così spietata nei confronti di un prodotto qualitativamente e nettamente superiore alla media della "rumenta"che la nostra tv ci propina: sono d'accordo, potrebbero esserci errori ( di fronte ad un personaggio realmente vissuto, poi, figuriamoci!), passaggi "romanzati per esigenze di pubblico" , ma distruggere un prodotto fatto bene, recitato, anche se non da tutti, bene, apprezzato ed acclamato a New york ( ma noi italiani siamo riconosciuti nel mondo per questa ns.peculiarità) mi sembra veramente stupido.
Penso, poi che i critici televisivi siano molto frustrati, dal fatto che non potendo recensire altri prodotti che GF, FATTORIA, ISOLA, Evia discorrendo, trovano il loro personale e sottostimato sfogo solo di fronte a questi prodotti, che nel psnorama medio televisivo dovrebbero invece essere IL FIORE ALL'OCCHIELLO della tv, marcia e volgare che siamo costretti a seguire.
Rispetto ai loro colleghi cinematografici si sentono molto sottovalutati, e allora... cosa fanno? "CRITICANO" l'unico prodooto dove vale la pena, per loro, di SPARLARE!
E' vero, il film poteva presentare qualche pecca, ma andare a cercare il pelo nell'uovo, come acconciature, i costumi, vada per le musiche, il flah.back suvvia la verità é che agli italiani piace vedere volgarità e sesso gratuito infarcito di parolacce e bulli da reality. e allora perché cointinuare a sforzarsi, per attori e produttori, a fare qualcosa di decente? per chi poi?
Patrizia

_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Caty

Moschettiere
Moschettiere




Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 29/04/07 08:37
Messaggi: 28411
Caty is offline 

Località: Modena





italy
MessaggioInviato: Gio Mar 05, 2009 8:51 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Allora forse la nipote non ricorda cio' che ha scritto... in questo articolo dice le mie stesse cose...

LUCCA - La fiction su Puccini non convince la Fondazone e la nipote Simonetta, secondo la quale il maestro e' dipinto diversamente da come inrealta' fosse.Tanti anche gli errori sottolineati dai critici.


Il Maestro Giacomo Puccini in primo piano grazie alla fiction di Rai Uno che ha ripercorso le tappe della vita artistica, ma anche le vicissitudini umane del grande compositore lucchese. In occasione del 150° anniversario dalla nascita il Maestro e' stato al centro di varie produzioni, oltre alla fiction il film di Paolo Benvenuti 'Puccini e la fanciulla' che ripercorre la drammatica vicenda di donna Doria, cameriera di casa Puccini suicidatasi in giovane eta''. Poi il cd di Mina dedicato alle opere del Maestro. Interpretazioni che hanno attirato le critiche degli esperti, come la direttrice della Fondazione Giacomo Puccini che sottolinea gli errori storici e comunque la rappresentazione di un Puccini del quale non viene evidenziata la grandezza. La nipote del Maestro Simonetta Puccini definisce deludente la fiction che presenta un Puccini diverso dalla realta' e personaggi non esistenti come il compositore Ghigliozzi e la giornalista viennese Liza; infine la pronuncia sbagliata del nome Turandot, che viene chiamata Turando'.

Sinceramente ragazze non ho capito una cosa? Possiamo tutti esprimere un opinione anche se differente dalle altre?

Con Caravaggio sono stata la prima a schierarmi in prima linea in difesa della fiction... lo dimostra il post che feci a suo tempo quando Alessio ando' ospite a quella trasmissione del sabato mattina, non ricordo il nome.

Io non ho criticato Alessio, mi sono commossa anch'io guardandolo con le lacrime agli occhi e anch'io ho sorriso quando suonava il pianoforte con quel sigaro in bocca e la paglietta in testa... lui è e rimane un grande... per me bravissimi anche Giordana, Castellano e la Sandrelli.

Qui il punto è: la fiction non era "liberamente" tratta da un fatto avvenuto... ma avrebbe dovuto narrare la vita di Puccini, che è uno dei nostri orgogli nazionali... questo non è successo... due puntate non sono state sufficenti e i tagli sono stati fatti proprio sui fatti piu' importanti.

Credo di dimostrare ampiamente quanto affetto e stima nutro per Alessio, tutto il materiale che raccolgo da anni e l'attenzione che gli porgo ne sono la prova.... pero' io non posso dire che tutti i lavori a cui partecipa Alessio sono benfatti solo perchè c'è lui... no!

E comunque se anche questa fiction avesse riscosso solo critiche positive e a me non fosse piaciuta lo avrei detto comunque, mi piace poter dire cio' che penso.

_________________


il mio Flickr
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
tery

Moschettiere
Moschettiere




Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 29/04/07 09:17
Messaggi: 37032
tery is offline 

Località: Elmas (Cagliari)





NULL
MessaggioInviato: Gio Mar 05, 2009 8:52 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Marina ha scritto:
E' quello che penso anch'io Patrizia,infatti l'ho già scritto in un'altro post.
Oltre ai critici e i melomani la cosa che mi fa arrabbiare è il regista Benvenuti che il suo Puccini presentato al festival di Venezia è stato criticato proprio dalla nipote di Puccini, Simonetta Puccini ritenendolo un 'offesa.Mentre in un'intervista che ho appena letto su "Il Giornale" che adesso invierò a Caty e magari potrete leggere tutti,la stessa nipote ha detto che gli sceneggiatori e il regista Capitani sono stati corretti e lei ha anche dato l'ok sul copione dicendo solo che ci sono piccoli errori e che il protagonista non somiglia allo zio ma non ha molta importanza.
Vedremo cosa dirà la critica,i melomani e il pubblico quando uscirà il film nelle sale del regista Benvenuti....sono molto curiosa!

Ciao,un abbraccio
Marina


Patrizia63 ha scritto:
ciao a tutte. chissà perchè la critica italiana deve essere così spietata nei confronti di un prodotto qualitativamente e nettamente superiore alla media della "rumenta"che la nostra tv ci propina: sono d'accordo, potrebbero esserci errori ( di fronte ad un personaggio realmente vissuto, poi, figuriamoci!), passaggi "romanzati per esigenze di pubblico" , ma distruggere un prodotto fatto bene, recitato, anche se non da tutti, bene, apprezzato ed acclamato a New york ( ma noi italiani siamo riconosciuti nel mondo per questa ns.peculiarità) mi sembra veramente stupido.
Penso, poi che i critici televisivi siano molto frustrati, dal fatto che non potendo recensire altri prodotti che GF, FATTORIA, ISOLA, Evia discorrendo, trovano il loro personale e sottostimato sfogo solo di fronte a questi prodotti, che nel psnorama medio televisivo dovrebbero invece essere IL FIORE ALL'OCCHIELLO della tv, marcia e volgare che siamo costretti a seguire.
Rispetto ai loro colleghi cinematografici si sentono molto sottovalutati, e allora... cosa fanno? "CRITICANO" l'unico prodooto dove vale la pena, per loro, di SPARLARE!
E' vero, il film poteva presentare qualche pecca, ma andare a cercare il pelo nell'uovo, come acconciature, i costumi, vada per le musiche, il flah.back suvvia la verità é che agli italiani piace vedere volgarità e sesso gratuito infarcito di parolacce e bulli da reality. e allora perché cointinuare a sforzarsi, per attori e produttori, a fare qualcosa di decente? per chi poi?
Patrizia


Sarò sincera e diro ciò che penso io della fiction di Puccini appena trasmessa in Tv...Sapete che conosco Alessio Boni come attore
da pochissimo tempo(dalla firma di Caty)he un bravissimo attore
lo visto in "Guerra e Pace e Caravaccio" e in vari altri lavori..
Guerra e Pace lo anche acquistato perche me piaciuto un sacco
bellissimo davvero,Caravaccio idem.. ho vari dvd di Alessio Boni.....pochissimo tempo fà ho guardato
su Rai 3 (non ricordo il titolo) senza ne capo ne coda..non ciò capito niente..e il mio parere personale...
anche in Puccini non ho capito niente...perchè una fiction di un personaggio importante come Puccini non viene riportata integra e
con le sue musiche,non dico tutte le opera ma almeno le arie importanti
che più o meno conosciamo,perche state cantate dai grandi della musica lirica mondiale?Adesso non si critica l'attore..gli attori che sono stati bravissimi,me piaciuto tantissimo anche Andrea Giordana,,tutti
ma si critica la Tv di Stato....con i tagli che sono stati fatti hanno
rovinato la vita di Puccini..io nei vari promo visti in Rai, ci sono
state delle scene che nella fiction non ho visto?Perchè e successo questo?
Scusate lo sfogo..

_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Marina

Grande amico del forum
Grande amico del forum


Moderatori

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 03/05/07 16:23
Messaggi: 5612
Marina is offline 







NULL
MessaggioInviato: Gio Mar 05, 2009 9:00 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ciao Caty,sono d'accordo con te sul fatto che tutti possiamo esprimere un opinione anche se differente dalle altre.
La mia modesta opinione era rivolta ai critici e melomani e al regista Benvenuti e al perchè a New York ha avuto successo e qui in Italia no.
La nipote prima dà l'ok sul copione e poi critica la fiction.
Tutto qui.

Un abbraccio
Marina

_________________


Ultima modifica di Marina il Gio Mar 05, 2009 9:05 am, modificato 1 volta in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Caty

Moschettiere
Moschettiere




Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 29/04/07 08:37
Messaggi: 28411
Caty is offline 

Località: Modena





italy
MessaggioInviato: Gio Mar 05, 2009 9:04 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Questo è l'articolo che mi ha inviato Marina Very Happy


_________________


il mio Flickr
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Marina

Grande amico del forum
Grande amico del forum


Moderatori

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 03/05/07 16:23
Messaggi: 5612
Marina is offline 







NULL
MessaggioInviato: Gio Mar 05, 2009 9:06 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Grazie mille Caty e buona giornata.

_-_-_.gif

_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
MARILENA

Amico del Forum
Amico del Forum






Registrato: 15/09/07 16:43
Messaggi: 957
MARILENA is offline 






MessaggioInviato: Gio Mar 05, 2009 9:13 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Caty ha scritto:
Mi dispiace... non sono daccordo...

come gia' detto il cast è stato perfetto... la storia no...

Puccini è uno dei nostri biglietti da visita nel mondo... la vita andava narrata con un filo logico... comunque credo sia costruttivo leggere opinioni diverse. Very Happy


Si certo Caty le opinioni diverse sono apprezzate (anche perchè in tutte queste critiche non è stato messo in discussione il lavoro che ha svolto Alessio! Smile )

_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
MARILENA

Amico del Forum
Amico del Forum






Registrato: 15/09/07 16:43
Messaggi: 957
MARILENA is offline 






MessaggioInviato: Gio Mar 05, 2009 9:16 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Pallino ha scritto:
Io sono d'accordo con Marina perchè mi riesce difficile capire il motivo che porta i critici italiani a "criticare" tutto quello che è fatto in Italia.

A me Puccini è piaciuto tanto anche con le discordanze con la storia reale della sua vita.

Con i critici sono d'accordo sul fatto che non ho ritenuto logico che non abbiano usato solo la sua musica come colonna sonora.

Un saluto a tutte
Pallino

Ciao Pallino sono contenta di rileggerti qui! Razz

_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
MARILENA

Amico del Forum
Amico del Forum






Registrato: 15/09/07 16:43
Messaggi: 957
MARILENA is offline 






MessaggioInviato: Gio Mar 05, 2009 9:21 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Patrizia63 ha scritto:
ciao a tutte. chissà perchè la critica italiana deve essere così spietata nei confronti di un prodotto qualitativamente e nettamente superiore alla media della "rumenta"che la nostra tv ci propina: sono d'accordo, potrebbero esserci errori ( di fronte ad un personaggio realmente vissuto, poi, figuriamoci!), passaggi "romanzati per esigenze di pubblico" , ma distruggere un prodotto fatto bene, recitato, anche se non da tutti, bene, apprezzato ed acclamato a New york ( ma noi italiani siamo riconosciuti nel mondo per questa ns.peculiarità) mi sembra veramente stupido.
Penso, poi che i critici televisivi siano molto frustrati, dal fatto che non potendo recensire altri prodotti che GF, FATTORIA, ISOLA, Evia discorrendo, trovano il loro personale e sottostimato sfogo solo di fronte a questi prodotti, che nel psnorama medio televisivo dovrebbero invece essere IL FIORE ALL'OCCHIELLO della tv, marcia e volgare che siamo costretti a seguire.
Rispetto ai loro colleghi cinematografici si sentono molto sottovalutati, e allora... cosa fanno? "CRITICANO" l'unico prodooto dove vale la pena, per loro, di SPARLARE!
E' vero, il film poteva presentare qualche pecca, ma andare a cercare il pelo nell'uovo, come acconciature, i costumi, vada per le musiche, il flah.back suvvia la verità é che agli italiani piace vedere volgarità e sesso gratuito infarcito di parolacce e bulli da reality. e allora perché cointinuare a sforzarsi, per attori e produttori, a fare qualcosa di decente? per chi poi?
Patrizia

Patrizia credo che tu abbia veramente ragione! Per carità non tutte le fiction di una certa qualità possono piacere allo stesso modo, ma ci rendiamo conto che in tv si susseguno ormai un reality dietro l'altro? La cosa ancora più incredibile sono poi tutte le infinite trasmissioni di contorno che smuovono questi reality e tutto il vagabondare di questi personaggi che ne escono da un programma all'altro non si capisce a fare cosa, a dire cosa, tutti sono esperti di tutto che avvilimento e che appiattimento! Embarassed

_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Pallino

Amico del Forum
Amico del Forum






Registrato: 05/10/07 22:05
Messaggi: 2
Pallino is offline 

Località: Bologna
Interessi: tanti



MessaggioInviato: Gio Mar 05, 2009 9:31 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Buongiorno a tutte.
Permettetemi di dire la mia, anche se intervengo per la prima volta seguo Alessio Boni dai sui inizi, conosco tutte le sue interpretazioni. (Marina è testimone di ciò.)

La libertà di critica e di parola è di tutti .
Quello che non si riesce a capire è che se Puccini doveva essere la storia vera della sua vita, allora hanno ragione quelli che dicono che non è attinenente e ci sono parecchie discordanze.
I personaggi non veri (in Sangue pazzo Alessio ne interpreta uno mai esistito) servono spesso agli autori per colorire e raccontare meglio alcune cose).
Se uno non ama molto la musica lirica può avere apprezzato, anzichè criticato, il fatto che nella prima parte ci fosse poca musica (non è il mio caso).
Potrei proseguire con tanti altri esempi .
Da tutto questo si evince che ognuno di noi deve dire ciò che vuole e pensarla come gli pare ma questo non dimostra che abbia ragione o che sia in possesso della verità assoluta. E' solo il suo pensiero.
O sbaglio?

Saluti a tutti. Pallino
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
tery

Moschettiere
Moschettiere




Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 29/04/07 09:17
Messaggi: 37032
tery is offline 

Località: Elmas (Cagliari)





NULL
MessaggioInviato: Gio Mar 05, 2009 9:37 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Pallino ha scritto:
Buongiorno a tutte.
Permettetemi di dire la mia, anche se intervengo per la prima volta seguo Alessio Boni dai sui inizi, conosco tutte le sue interpretazioni. (Marina è testimone di ciò.)

La libertà di critica e di parola è di tutti .
Quello che non si riesce a capire è che se Puccini doveva essere la storia vera della sua vita, allora hanno ragione quelli che dicono che non è attinenente e ci sono parecchie discordanze.
I personaggi non veri (in Sangue pazzo Alessio ne interpreta uno mai esistito) servono spesso agli autori per colorire e raccontare meglio alcune cose).
Se uno non ama molto la musica lirica può avere apprezzato, anzichè criticato, il fatto che nella prima parte ci fosse poca musica (non è il mio caso).
Potrei proseguire con tanti altri esempi .
Da tutto questo si evince che ognuno di noi deve dire ciò che vuole e pensarla come gli pare ma questo non dimostra che abbia ragione o che sia in possesso della verità assoluta. E' solo il suo pensiero.
O sbaglio?

Saluti a tutti. Pallino


Ciao Pallino e benvenuta nel forum ,,,,,,,,,,,,,,,,,,,
Certo che non sbagli..ognuno e libero di esprimere il suo pensiero..ci mancherebbe che non potrebbe? ]pss[ Siamo in democrazia... e in un
forum libero.... ;:;:

_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Beata

Amico del Forum
Amico del Forum


Moderatori


Età: 64
Registrato: 31/03/08 16:12
Messaggi: 1404
Beata is offline 

Località: vicino a Monaco, Germania





NULL
MessaggioInviato: Gio Mar 05, 2009 11:46 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ciao a tutte.

Amo Puccini, quindi sono stato occupato già molto con lui. Certo ci sono errori e omissioni, ma è una finzione, nessuna documentazione. La differenza è la stessa tra un romanzo biografico e una biografia.
E gli attori, in particolare Alessio, ho trovato molto bene, anche gli altri ragazze dal Forum tedesco. Ma in Germania vi è il fenomeno che le cose sono fatte male.

Cordiali saluti da Baviera
Beata
_-_-_.gif

_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Beata

Amico del Forum
Amico del Forum


Moderatori


Età: 64
Registrato: 31/03/08 16:12
Messaggi: 1404
Beata is offline 

Località: vicino a Monaco, Germania





NULL
MessaggioInviato: Ven Mar 06, 2009 7:38 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

giovedì 5 marzo 2009

Un sondaggio tra il pubblico femminile lo ha piazzato al primo posto – davanti a Raoul Bova - come l’attore italiano più desiderato dalle donne, Ma Alessio Boni oltre ad essere bello è un artista poliedrico che spazia dal cinema alla televisione, al teatro, alla radio, raccogliendo numerosi premi per le sue interpretazioni (Nastro d’argento nel 2004 per “La meglio gioventù”, due globi d’oro, il primo nel 2005 per “Quando sei nato non puoi più nasconderti” e il secondo per “Arrivederci amore, ciao”).

Perché come dice lui: “Solo noi italiani pensiamo ancora che ci sia uno spartiacque: in America George Clooney passa da ‘E.R. Medici in prima linea’ al cinema e nessuno dice nulla. A me deve piacere la sceneggiatura di un lavoro e cerco sempre di fare tutto nel modo migliore”.

Boni sarà a Ravenna da stasera a domenica 8 marzo (Teatro Alighieri alle 21) con “Il dio della Carneficina”, un testo della scrittrice francese Yasmine Reza, che lo vede recitare con Silvio Orlando, Anna Bonaiuti, Michela Cescon, per la regia di Roberto Andò. Un gradito ritorno per Boni che nel 1997 interpretò “Pelerinage” all’interno del Ravenna Festival.

Boni interpreta nello spettacolo della Reza un avvocato rampante, marito di Michela Cescon: si incontrano a cena con l’altra coppia composta da Silvio Orlando e da Anna Bonaiuto per parlare, civilmente, del litigio fra i due figli, in un parco di Parigi. Ma proprio civile la cena non sarà…
L’occasione per l’attore per “far pensare, cercando di far ridere il pubblico. Siamo quattro caratteri diversi sul palcoscenico e vorremmo gettare un seme: guardate che mostri possono serpeggiare nel nostro animo. Perché si tratta di personaggi arroganti, presuntuosi e ad un certo punto si abbassa la maschera, come diceva Pirandello, e si vede la nostra vera anima”.

Alain, l’avvocato, non è proprio uno stinco di santo, continua Boni: “E' allucinante quello che afferma, conta solo il denaro, tutto è giusto in questi termini, anche difendere una casa farmaceutica che nasconde i danni dei suoi farmaci. Lui se ne frega di tutto e di tutti, perché l’unica cosa che comanda la nostra vita è il dio della carneficina. È stato un personaggio difficile da interpretare perché non ha nessuna morale”.

Proprio Boni, carattere riservato e schivo, ha interpretato in questi giorni in televisione la fiction su Puccini, grande artista e seduttore: non resta che chiedergli se anche questo è stato un ruolo difficile. “E’ più facile diventare seduttore che criminale! Forse perché è sempre più facile per noi maschietti sedurre. Puccini è stato un donnaiolo, ma qualche peccato veniale si può anche perdonare a un grande artista. C’è una grande dicotomia tra il ruspante toscano e l’intellettuale raffinato, ma ridurlo solo a un donnaiolo è come dire che Caravaggio (altro personaggio interpretato per la televisione) era solo gay”. Insomma si capisce che a Boni le donne piacciono e qualche peccato si può sempre perdonare, no?

Un periodo felice, una fidanzata, Bianca, sceneggiatrice, tante proposte e soddisfazioni, ma Alessio Boni un sogno nel cassetto ce l’ha?
Pare proprio di si, anzi più d’uno: “Posso cominciare da un sogno di quando ero ragazzino: sognavo di fare il direttore d’orchestra, mettevo Beethoven ‘a palla’ e dirigevo un’orchestra invisibile con il mestolo. Chiaramente quando ho conosciuto Riccardo Muti è stata una cosa affascinante. Tornando con i piedi per terra, invece mi piacerebbe più avanti fare il regista, mi intriga molto, ma non mi sento ancora pronto”.
Stazio


http://www.ravennanotizie.it/index.php?option=com_content&task=view&id=24796&Itemid=2

_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Marina

Grande amico del forum
Grande amico del forum


Moderatori

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 03/05/07 16:23
Messaggi: 5612
Marina is offline 







NULL
MessaggioInviato: Ven Mar 06, 2009 8:38 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Grazie mille Beata.
Spero tanto che Alessio non faccia il regista.

_-_-_.gif

_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
MARILENA

Amico del Forum
Amico del Forum






Registrato: 15/09/07 16:43
Messaggi: 957
MARILENA is offline 






MessaggioInviato: Sab Mar 07, 2009 10:49 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Spero che se un giorno deciderà di fare il regista non smetta di fare l'attore! Solo il pensiero di non vederlo più recitare mi fa venire una tristezza.............................. Crying or Very sad
No..........no .......... non ci voglio neanche pensare, spero che faccia film fino a 90 anni .........

_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Beata

Amico del Forum
Amico del Forum


Moderatori


Età: 64
Registrato: 31/03/08 16:12
Messaggi: 1404
Beata is offline 

Località: vicino a Monaco, Germania





NULL
MessaggioInviato: Dom Mar 08, 2009 7:49 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Dettaglio articolo
Alessio Boni, Silvio Orlando, Michela Cescon e Anna Bonaiuto alla V^ edizione del Backstage Film Festival di Cesena

7 Mar 2009 | Spettacolo

Quali sono i risvolti nascosti dietro la realizzazione di un film o di una serie televisiva? Come si muovono gli attori sul set e qual è il loro rapporto con il regista e la troupe cinematografica? Tutti i segreti racchiusi dietro le quinte dei film e delle fiction italiane degli ultimi anni tornano protagonisti della quinta edizione del Backstage Film Festival, dall’8 al 10 aprile al Centro Cinema Città di Cesena.


Una rassegna promossa dal Centro Cinema Città di Cesena, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Cesena, che per il quinto anno consecutivo vedrà passare in rassegna sul grande schermo del Centro Culturale San Biagio di Cesena i filmati che documentano i retroscena dei principali film e fiction italiani delle ultime stagioni. Per tre giornate consecutive saranno proiettati tutti i video in concorso, insieme a materiali inediti e documenti recuperati da archivi cinematografici e televisivi.
Ospiti d’eccezione di questa quinta edizione del Backstage Film Festival saranno gli attori Alessio Boni, Silvio Orlando, Michela Cescon e Anna Bonaiuto.

Insieme al Backstage Film Festival, il Centro Cinema Città di Cesena e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Cesena presentano la dodicesima edizione di CliCiak, concorso nazionale per fotografi di scena promosso dal Centro Cinema Città di Cesena la cui fase finale si svolgerà dall’11 al 26 aprile.
Durante questo periodo alla Galleria Comunale La Pescheria di Cesena sarà allestita una mostra dove sono raccolte le fotografie vincitrici della dodicesima edizione del concorso, insieme ad una selezione dei migliori scatti partecipanti. Immagini a colori e in bianco e nero a documentazione di diversi dei migliori film della passata stagione, da Caos Calmo a Gomorra, passando per Il divo.
Il 7 marzo la giuria, composta dal fotografo di scena Franco Bellomo, dal critico Cesare Biarese, dallo storico della fotografia e direttore di Forma Denis Curti, dalla regista Antonietta De Lillo, e dalla giornalista Viviana Gandini, proclamerà i vincitori finali.
Un’antologia dei migliori scatti di questa dodicesima edizione di CliCiak insieme alle foto vincitrici sarà raccolta in un catalogo a cura di Antonio Maraldi.

Come nelle passate edizioni, anche quest’anno CliCiak dedica un omaggio ad un grande fotografo del passato. Dopo le personali di Paul Ronald, Mimmo Cattarinich, G.B. Poletto, Divo Cavicchioli, Pierluigi, Angelo Novi, Bruno Bruni, Sergio Strizzi, Franco Vitale, Huguette Ronald e Franco Bellomo, la dodicesima edizione di CliCiak è dedicata ad Alfonso Avincola (Roma, 1931), fotografo di scena che vive da oltre vent’anni in America, a Las Vegas, che ha lavorato sul set di circa ottanta film compresi alcuni negli Stati Uniti (tra cui I tre giorni del condor e Uragano), e per un più di un decennio fotografo per la De Laurentiis. Tra i registi con cui ha collaborato figurano, tra gli altri, Carlo Lizzani (da Il gobbo a Banditi a Milano, compresi L’oro di Roma e Il processo di Verona), Ettore Scola (Il più bel giorno della mia vita), Antonio Pietrangeli (Il magnifico cornuto), Luigi Comencini (Lo scopone scientifico), Alberto Sordi (Polvere di stelle) e Luchino Visconti (Lo straniero).
Alfonso Avincola sarà presente all’inaugurazione della sua mostra, allestita dall’11 aprile al 10 maggio a Cesena alla Galleria del San Biagio, e corredata da un catalogo a cura di Antonio Maraldi, con prefazione di Carlo Lizzani.

La cerimonia di premiazione di CliCiak e del Backstage Film Festival si terrà sabato 11 aprile alle 18 presso la Sala Rossa del Centro Culturale San Biagio.
Condurrà l’evento il giornalista e critico cinematografico Maurizio Di Rienzo

Entrambe le rassegne sono promosse dal centro Cinema Città di Cesena, che quest’anno festeggia il suo trentennale con la pubblicazione del volume “Centro Cinema Città di Cesena 1979-2009: 30 anni di cinema al San Biagio e altrove”, presentato il 3 marzo in presenza del Direttore Artistico della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia Marco Müller.

L’ingresso alle mostre e alle proiezioni è gratuito.
Per informazioni: Centro Cinema Città di Cesena
Via Aldini, 24 – Cesena
Tel. 0547/355712 – 355718 – 355725
www.sanbiagiocesena.it

http://www.eosarte.eu/?p=6167

_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Marina

Grande amico del forum
Grande amico del forum


Moderatori

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 03/05/07 16:23
Messaggi: 5612
Marina is offline 







NULL
MessaggioInviato: Dom Mar 08, 2009 9:02 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Grazie Beata.
_-_-_.gif

_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Marina

Grande amico del forum
Grande amico del forum


Moderatori

Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 03/05/07 16:23
Messaggi: 5612
Marina is offline 







NULL
MessaggioInviato: Lun Mar 09, 2009 7:32 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Polemiche sulla fiction di Puccini: "Ma davvero vi aspettavate di più dalla Rai?"
La parola ai lettori : Lettere alla redazione

del 08/03/2009 di Lettori

LUCCA - "Ovunque, divampano le critiche sul nuovissimo 'Puccini di RaiUno - scrive Antonio Garganese -. Poche benevole, moltissime contro. Le numerose sottolineature di scarsa aderenza alla realtà, gli errori, la fretta, il pressappochismo e così via, sono la protesta di un inevitabile modo di essere della nostra televisione. Davvero c’era così tanta gente che si attendeva un prodotto migliore? Personalmente mi aspettavo addirittura di peggio! Cosa pretendere da una TV pubblica in eterna concorrenza con se stessa e con quella cosiddetta “commerciale” (Mediaset), ma soprattutto chiamata a un certo modo di far spettacolo e (non)cultura?".


"I tempi stretti del racconto sono quelli imposti dalla 'fiction' imperante e le molteplici imprecisioni non debbono stupire più di tanto, anzi. Rimarcare il gran disordine di questa produzione, come fatto-e li si capisce-da molti appassionati, è imbarazzante. Non poteva che essere così. Alessio Boni se non altro è un buon professionista, anche se non basta ciò a salvare qualcosa che ha dei costituzionali limiti.

Aggiungere note negative su questo o quell’aspetto facilissimo. Nel primo sceneggiato RAI sul musicista, diretto da Bolchi, i consulenti furono Mario Labroca ed Enzo Siciliano. Qui? I titoli di coda sono stati sfumati sia nella prima, che seconda puntata (c’era altro da mandare in onda!), ma le locandine rese pubbliche dei 'crediti' non fan menzione di questo aspetto.

Che la discendente, Simonetta Puccini abbia letto la sceneggiatura, dando qualche marginale avvertimento, non potrà essere ritenuta una seria consulenza (ma per i 'tempi moderni' evidentemente sufficiente). Lo stesso Boni ha confessato su 'La Stampa' del 1 marzo di aver visionato due volte di fila la precedente versione RAI interpretata da Alberto Lionello, trovandola 'bellissima' e consigliando di replicarla. Una interpretazione rimasta famosa, sia per la cifra dell’attore, sia per una credibilità interiore e fisica (ci fu chi disse-avendo conosciuto il vero Puccini-di averlo perfettamente ritrovato nella maschera di Lionello).

Ma tra le tante 'colpe' di questa nuovissima produzione, l’assenza di musica è parsa mancanza due volte grave visto che si stava mettendo in mostra la vita di un compositore. Così sarà inutile rievocare i fantasmi di opere artistiche come il film su Mozart 'Amadeus', percorso da cima a fondo non tanto dalla quantità di citazioni musicali, ma dall’ impatto musicale offerto allo spettatore; o del Ciaikovskij di Ken Russell, infedele di fuori ma analisi profondissima delle motivazioni intime, sia umane che artistiche.

Il 'colmo' del tema musicale non pucciniano dei titoli di apertura e poi d’accompagnamento è un peccato veniale, al riguardo. La 'trovata' di far terminare 'Turandot/Turandò' su una melodia ormai approdata a Sanremo, non è il vero scandalo. Le tanti parti secondarie troppo spesso al limite della macchietta o l’ossessionante far notare che Puccini copulasse costantemente (Boni stesso, ha rimpoverato questo atteggiamento in sede di rappresentazione, nella intervista citata) sono, assieme ad altro, punti dolenti di una produzione dalla quale era vano attendersi una seria analisi quantomeno biografica.

Chi conosce davvero Puccini, avrà riempito i tanti vuoti del programma con le proprie conoscenze; ne sarà rimasto magari disgustato: mal di poco in fondo. Il guaio è aver dato un’ immagine da quattro soldi a chi Puccini non lo conosceva invece, perdendo un’ occasione di proposta culturale di qualche validità. Ma questa è la televisione che ci meritiamo. Consiglio. Comperarsi i libri di Carner, Siciliano, l’ epistolario ed ascoltare qualche buona incisione e sperare che il vecchio e glorioso sceneggiato con l’affascinante Lionello, sia inserito nella collana dei 'Grandi Sceneggiati TV' attualmente in corso di pubblicazione nelle edicole dalla 'Fabbri', se non altro per accertarsi che è possibile qualcosa di diverso. Meglio: era possibile".

- Antonio Garganese -



http://www.loschermo.it/articolo.php?idart=15612

_________________
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Caty

Moschettiere
Moschettiere




Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 29/04/07 08:37
Messaggi: 28411
Caty is offline 

Località: Modena





italy
MessaggioInviato: Lun Mar 09, 2009 8:23 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Grazie Beata e Marina. Very Happy
_________________


il mio Flickr
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Alessio Boni Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, ... 116, 117, 118  Successivo
Pagina 2 di 118

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





I Quattro Moschettieri topic RSS feed 


Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Theme Diddle v1.03 par HEDONISM

Pagerank.Scambiositi.com

Tutti i diritti di proprietà ed i Copyrights ,anche se non espressamente specificati,vengono riconosciuti ai legittimi proprietari.

  I 4 Moschettieri Forum non vanta alcun diritto su di essi.