Indice del forum
FAQ  Pannello Utente  Messaggi Privati  Gruppi utenti  Lista degli utenti  Cerca  Registrati  Login
Portale    Blog   Album    Guestbook    FlashChat    Statistiche    Links    Calendario
Downloads    Commenti karma    TopList    Topics recenti    Vota Forum


Home
                                                                                                                                                                                                                              
La biscia
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Le fiabe
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Caty

Moschettiere
Moschettiere




Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 29/04/07 08:37
Messaggi: 28607
Caty is offline 

Località: Modena





italy
MessaggioInviato: Mer Gen 28, 2009 9:08 pm    Oggetto:  La biscia
Descrizione:
Rispondi citando

La biscia



Un contadino andava a segare il prato tutti i giorni, e a mezzogiorno le sue tre figlie gli portavano da mangiare.
Un giorno andò la prima, e quando fu nel bosco, essendo stanca, si sedette su una pietra a riposare. Appena si sedette, sentí dare un gran picchio sottoterra, e da sotto la pietra uscí una biscia.
La ragazza lasciò il cesto e, gambe aiutami!, scappò via: e quel giorno il padre restò a pancia vuota. Tornò a casa e sgridò le ragazze.
L'indomani ci andò la seconda. Si sedé sulla pietra e capitò lo stesso: gambe aiutami!
Allora la terza disse: - A me, a me! io non ho paura. - e invece d'un paniere di roba da mangiare se ne portò due. Quando sentí dare il picchio e vide la biscia, le diede un paniere di roba e la biscia le parlò:
- Portami a casa con te, - disse, - farò la tua fortuna! - e la ragazza se la mise nel grembiule.
Portò l'altro paniere al padre nel prato, poi tornò a casa e mise la biscia sotto il letto.
La biscia ogni giorno diventava piú grossa, tanto che sotto il letto non ci stava piú.
Andò via, ma prima di partire lasciò in dono alla ragazza tre sorti: che piangendo le cadessero lacrime di perle e argento, che ridendo le cadessero dal capo chicchi di melagrana d'oro, e che lavandosi le mani le uscissero di tra le dita pesci d'ogni qualità.
Quel giorno in casa non c'era nulla da mangiare, e il padre e le sorelle erano disperati dal digiuno, ma lei subito provò a lavarsi le mani, e la catinella si riempí di pesci. Le sorelle diventarono invidiose e persuasero il padre che c'era qualcosa sotto, ed era meglio chiudere la ragazza nel solaio.
Dalla finestra del solaio, la ragazza guardava nel giardino del Re, e c'era il figlio del Re che giocava alla palla. Giocando alla palla, fece uno scivolone e cadde in terra, e la ragazza scoppiò a ridere.
Ridendo le cadde giú una pioggia di chicchi di melagrana d'oro.
Il figlio del Re non riusciva a capire da dov'erano caduti, perché la ragazza aveva subito chiuso la finestra.
L'indomani, tornando in giardino per giocare alla palla, il figlio del Re vide che c'era nato un melograno, già alto e carico di frutti. Fece per cogliere le melagrane, ma l'albero cresceva a occhiate, e bastava alzare una mano perché i rami s'alzassero d'un palmo.
Visto che nessuno riusciva a cogliere neanche una foglia da quell'albero, il Re fece radunare i Savi perché gli spiegassero l'incanto. E il piú vecchio di tutti i Savi disse che poteva cogliere quei frutti solo una ragazza, e quella sarebbe stata la sposa del figlio del Re.
Allora il Re mandò fuori il bando che tutte le ragazze da marito venissero al giardino, pena la testa, per provare a cogliere le melagrane.
Vennero ragazze d'ogni semenza, ma per raggiungere quei frutti non bastavano scale né scalette. Vennero anche le due figlie piú grandi del contadino e cascarono dalla scala a gambe all'aria.
Il Re mandò a frugare nelle case se si trovavano altre ragazze, e cosí scovarono quella chiusa nel solaio.
Appena accompagnata alla pianta, i rami s'inchinarono e le porsero in mano le melagrane.
Tutti gridarono: - Ecco la sposa! Ecco la sposa! - e il figlio del Re per primo.
Furono preparate le nozze, e le sorelle sempre invidiose erano invitate anche loro alla festa.
Andando tutte e tre sulla stessa carrozza, in mezzo a un bosco si fermarono. Le due grandi fecero scendere la piccola, le tagliarono le mani, le cavarono gli occhi e la lasciarono per morta in un cespuglio. La piú grande si mise la veste da sposa e cosí si presentò al figlio del Re.
Il figlio del Re non capiva come mai fosse tanto imbruttita, ma siccome un po' le assomigliava, credette d'essersi sbagliato lui a crederla cosí bella.
La ragazza senz'occhi e senza mani rimase a piangere nel bosco. Passò un cavalcante che ne ebbe compassione e la fece salire sul suo asino per portarla a casa sua.
Lei gli disse che guardasse in terra: c'era pieno di perle e argento, che erano le lagrime della ragazza.
Il cavalcante le andò a vendere e fece piú di mille lire: cosí viveva contento, anche se quella ragazza senz'occhi e senza mani non poteva lavorare e aiutare la famiglia.
Un giorno la ragazza sentì una biscia che le si attorcigliava a una gamba: era la biscia sua amica.
- Sai di tua sorella che ha sposato il figlio del Re ed è diventata Regina perché il Re vecchio è morto? Ora aspetta un bambino e ha voglia di fichi.
La ragazza disse al cavalcante: - Caricatevi una soma di fichi e andateli a portare alla Regina.
-Come faccio a trovare dei fichi di quest'epoca? - disse il cavalcante.
Difatti, era d'inverno. Ma la mattina dopo andò nell'orto il fico era carico di frutti, cosí senza foglie com'era. Lui ne riempí due corbe e le caricò sull'asino.
-Chissà quanto posso chiedere per dei fichi d'inverno? - disse il cavalcante.
- Dovete chiedere un paio d'occhi, - disse la ragazza.
Lui cosí fece, ma né la Regina, né il Re, né sua sorella si sarebbero mai cavati gli occhi. Allora parlottarono un po' tra sorelle e dissero:
- Diamogli pure quelli di nostra sorella, tanto cosa ce ne facciamo? - e comprarono i fichi con quegli occhi.
Il cavalcante riportò gli occhi alla ragazza che se li rimise al loro posto, e tornò a vederci come prima.
Poi la Regina ebbe voglia di pesche e il Re mandò a chiamare quel cavalcante, se mai potesse trovare pesche come aveva trovato fichi.
La mattina dopo, nel suo orto, il pesco era carico di pesche, e lui con l'asino ne portò subito una soma in Corte. Gli chiesero quanto ne voleva e lui disse:
- Un paio di mani.
Ma nessuno si voleva tagliare le mani, neanche per far piacere al Re.
Allora le sorelle, parlando tra loro: - Diamogli quelle di nostra sorella.
Quando la ragazza riebbe le sue mani se le riattaccò alle braccia e guarí.
Dopo poco tempo, la Regina partorí e fece uno scorpione. Ma il Re fece dare lo stesso una festa in cui tutto il mondo era invitato.
E la ragazza si vesti da Regina ed era la piú bella della festa. Il Re se ne innamorò e innamorandosene s'accorse che era la sua sposa di prima.
Lei rise e caddero chicchi d'oro, pianse e caddero perle, si lavò le mani e faceva pesci nel catino.
E cosí ridendo e piangendo e facendo chicchi, perle e pesci gli raccontò tutta la storia.
Le due cattive sorelle e lo scorpione furono bruciati in una catasta di legna alta come una torre.
Lo stesso giorno ci fu il gran pranzo di nozze.

Fecero tanto lusso e spatusso Ma io ero dietro l'uscio. Per mangiare andai all'osteria. E cosí finisce la storia mia.
(Monferrato).



Italo Calvino,da "fiabe italiane"

_________________


il mio Flickr
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Mer Gen 28, 2009 9:08 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Sweet*ila

Amico del Forum
Amico del Forum




Sesso: Sesso:Femmina
Età: 34
Registrato: 27/01/10 22:49
Messaggi: 587
Sweet*ila is offline 

Località: Torino
Interessi: lettura, film, cartoni, poca tv! Cucinare(da poco)...Cose belle come arredare la casa o apparecchiare la tavola con gusto :)
Impiego: Pasticceria, produzione e vendita



NULL
MessaggioInviato: Gio Feb 18, 2010 12:26 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

bella questa! ;:;:
_________________
il mio
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Le fiabe Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





I Quattro Moschettieri topic RSS feed 


Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Theme Diddle v1.03 par HEDONISM

Pagerank.Scambiositi.com

Tutti i diritti di proprietà ed i Copyrights ,anche se non espressamente specificati,vengono riconosciuti ai legittimi proprietari.

  I 4 Moschettieri Forum non vanta alcun diritto su di essi.