Indice del forum
FAQ  Pannello Utente  Messaggi Privati  Gruppi utenti  Lista degli utenti  Cerca  Registrati  Login
Portale    Blog   Album    Guestbook    FlashChat    Statistiche    Links    Calendario
Downloads    Commenti karma    TopList    Topics recenti    Vota Forum


Home
                                                                                                                                                                                                                              
L'uomo e il gigante
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Le fiabe
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Caty

Moschettiere
Moschettiere




Sesso: Sesso:Femmina

Registrato: 29/04/07 08:37
Messaggi: 28368
Caty is offline 

Località: Modena





italy
MessaggioInviato: Lun Dic 10, 2007 1:04 pm    Oggetto:  L'uomo e il gigante
Descrizione:
Rispondi citando

L'uomo e il gigante



Da che mondo è mondo nessuno è più astuto dell'uomo e nessuno può sfuggire al suo potere, persino gli animali più feroci possono essere dominati e resi schiavi dall'uomo.
Un giorno un gigante incontrò un toro e un cammello che erano stati percossi dall'uomo, e quando seppe chi li aveva conciati così si arrabbiò moltissimo e volle conoscere l'uomo.
Il toro e il cammello glielo indicarono: in quel momento stava abbattendo degli alberi con la scure con enorme fatica e il sudore gli colava lungo il corpo. Il gigante gli si avvicinò e con molta calma e in modo amichevole gli volle insegnare come si abbattono gli alberi. L'uomo accettò.
Il gigante con un sol colpo abbatté un albero e l'uomo si risentì.
"Questo è il mio più grande divertimento, se avessi voluto avrei anch'io abbattuto l'albero con un sol colpo".
Poi invitò il gigante a mettere i piedi nelle fessure di un albero, riuscì ad imprigionarlo e se ne andò.
Il gigante riuscì a liberarsi incontrò nuovamente l'uomo e chiese spiegazioni:
"Avrei potuto ucciderti, ma non l'ho fatto perché tu mi ringraziassi." Il gigante lasciò perdere, offrì all'uomo la sua amicizia e gli propose di andare con lui nella sua capanna.
Un giorno lo pregò di andare nel bosco a raccogliere la legna, ma l'uomo invece di raccogliere i rami, abbatté molti alberi e li legò con una lunga corda.
Al gigante che andò a cercarlo, preoccupato del ritardo, spiegò che non voleva andare tutti i giorni a fare legna per questo ne aveva abbattuti molti. Il gigante replicò che non c'era abbastanza posto per tutta quella legna e si mise sulle spalle un solo albero.
L'uomo si arrampicò tra i rami e quando arrivarono scese velocemente fingendo di aver aiutato il gigante a portare il peso.
Un giorno il gigante chiese all'uomo di andare al pozzo a prendere l'acqua.
L'uomo non poteva rifiutare, andò al pozzo, ma si mise a scavare intorno. Il gigante preoccupato del ritardo lo cercò e l'uomo spiegò che voleva portare l'intero pozzo in modo da non dover andare tutti i giorni a prendere l'acqua. Il gigante non disse niente e riempi da sé il secchio.
A quel punto l'uomo lo provocò e lo sfidò alla lotta. Il gigante cercò di rispingere quella provocazione, ma tutto fu inutile. Lottarono spasmodicamente poi si calmarono, il gigante aveva paura di quest'uomo furbo e pensò di ucciderlo.
L'uomo si insospettì e non dormì nel suo letto, collocò un grande paiolo sotto le coperte e se ne andò a dormire da un'altra parte. Il gigante si alzò sferrò un grosso colpo di randello sul letto dell'uomo, e il paiolo ruppe fragorosamente.
Il gigante credette di averlo ucciso, ma la mattina sentì l'uomo che gli diceva:
"Perché questa notte hai fatto come se fossi tua moglie, sei venuto da me e mi hai baciato?".
Il gigante si stupì ma si rese conto che l'uomo era più forte di lui. I giorni passavano e i due continuavano a vivere insieme.
Un giorno il gigante ebbe voglia di mangiare carne fresca e suggerì all'uomo di andare a rubare qualche pecora in una fattoria.
L'uomo era d'accordo, ma precisò che non avrebbe rubato solo qualche pecora, ma l'intero gregge. Allora il gigante decise di far da solo, l'uomo avrebbe solo fatto la guardia.
I due andarono alla fattoria, il gigante rubò le pecore e l'uomo lo seguì, ma quando dovette saltare una siepe, rimase ferito con una spina e cominciò a lamentarsi. Il gigante chiese il motivo di tanto dolore e scoprì che era soltanto una spina.
"Come!", disse, "tu dimostravi tanta forza e adesso sei ridotto così solo per una spina, dov'è tutta la tua potenza?"
Il Gigante si volse quindi verso l'uomo e lo uccise con un sol colpo.

Fiaba Araba

_________________


il mio Flickr
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Lun Dic 10, 2007 1:04 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Le fiabe Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





I Quattro Moschettieri topic RSS feed 


Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2009
Theme Diddle v1.03 par HEDONISM

Pagerank.Scambiositi.com

Tutti i diritti di proprietà ed i Copyrights ,anche se non espressamente specificati,vengono riconosciuti ai legittimi proprietari.

  I 4 Moschettieri Forum non vanta alcun diritto su di essi.